La mossa eretica

Uno schizzo su Proletkult (Wu Ming, 2018)

di Martina MencariniMaristella Pitzalis

«Conosco Bogdanov da tempo e bene, lo stimo molto perché è un eretico, e che c’è di meglio di un eretico?»

(Maksim Gor’kij, lettera a Michail Prišvin, aprile 1927).

Non nevica ancora lungo la Moskova. C’è attesa per la cerimonia del decennale della Rivoluzione. Aleksandr Bogdanov riconosce il vento autunnale che ormai ostile lo colpisce alle spalle. È un clima davvero pungente quello moscovita. Continue reading “La mossa eretica”

Ornamento, una recensione

di: Sara Di Meco

Un medico lavora all’interno di un laboratorio e segue gli effetti di una droga progettata specificatamente per le donne.

Deve registrare le reazioni di 4 pazienti – la numero 1, la numero 2, la numero 3, la numero 4 – provenienti da estrazioni sociali diverse, che si sono offerte volontarie per provare la nuova sostanza.

Un droga che presenta effetti differenti a seconda di chi la assume e che promette di risolvere il male di vivere. Il medico viene colpito nel corso della ricerca dalla paziente numero 4, la quale presenta una reazione intrigante, caotica e nella sua confusione ‘ornamentale’, fatta di flussi di coscienza. La paziente numero 4 si avvicinerà alla realtà del medico, a sua moglie, artista innovativa, e i tre creeranno una relazione distorta, come distorta è la struttura del romanzo.

Ornamento esce fuori dagli schemi narrativi con una forma che immerge velocemente il lettore nella conoscenza degli effetti della droga, disorientando e allo stesso tempo aprendo finestre nelle vite dei protagonisti,  per poi avvicinarsi alla parte conclusiva del romanzo con un capitolo narrativo vero e proprio e terminare con un finale senza conclusioni. Chiuso il libro, il lettore potrebbe pensare che la lettura del romanzo sia come un’assunzione di una sostanza che lo ha inebriato e ha reso confuse le sue interpretazioni, ma che come ogni droga ha reso piacevole il suo tempo. Continue reading “Ornamento, una recensione”

“L’abisso” è lo spettacolo raccapricciante della nostra disumanità, ovvero dei suoi effetti sulla pelle dell’Altro

di: Francesco Dellasanta

E’ curioso che in Italia il discorso pubblico sia stato monopolizzato dal tema migratorio negli ultimi mesi o anni, ma nessuno abbia mai parlato di sterminio di massa perpetrato in numerosi stati africani e nel Mare Mediterraneo e finanziato dai governi dell’Unione Europea. Continue reading ““L’abisso” è lo spettacolo raccapricciante della nostra disumanità, ovvero dei suoi effetti sulla pelle dell’Altro”